Le frontiere del contrabbando e dell’ipocrisia

Tanti anni fa a Livigno, paese posto in “zona neutra” (vale a dire tra la barriera della dogana italiana e quella della Svizzera) e per questo praticamente esentasse, il contrabbando era una delle principali attività.

Dalla frontiera passavano ambulanze a sirene spiegate cariche di …sigarette; camion che dopo aver scaricato i cavi elettrici per la costruzione della diga rientravano con le enormi bobine vuote all’esterno ma piene (di un po’ di tutto) all’interno, se volevi un televisore bastava andare nel negozio del sindaco lo sceglievi, lo pagavi e, alla data convenuta, te lo consegnavano a Tirano.

Si trattava, perché adesso non ne vale praticamente più la pena, di un reato a tutti gli effetti, identico a quello dei famigerati spalloni lombardi che partivano con le lire (a volte consegnate da qualche banca primaria) e rientravano con le sigarette.

Mestieri passati di moda, si potrebbe dire. Ebbene si, qui da noi quel tipo di contrabbando non credo esista piu’. Ma in qualche altra parte del mondo invece ….

E’ dei giorni scorsi la notizia che alla frontiera tra RDCongo e Rwanda e’ stata fermata un’auto con a bordo poco piu’ che 1,2 tonn di cassiterite, il minerale dal quale deriva lo stagno.

Il controvalore della merce, sulla base delle ultime quotazioni dello stagno al Lme di Londra (23.360 u$/tonn due giorni fa), supera di poco i 14.000 u$ e non e’ quindi una cifra sconvolgente …per noi, mentre in Congo rappresenta oltre 350 stipendi medi oppure (secondo le ultime quotazioni) la vita di 700 persone visto che ti uccidono per 20 u$.

Anche in questo caso, però, a voler essere cinici non si capisce dove può starci la notizia, che però c’e’ perche’ l’auto fermata non era una autovettura qualunque ma una della Monusco (vedi QUI e QUI).

E non era stata rubata. No, era guidata da un “casco blu”!

Questi signori, che gli abitanti di Bukavu considerano “ospiti in vacanza” visto quello che fanno o meglio che non fanno, dovrebbero aiutare la popolazione come recita espressamente la Risoluzione 1991 del Consiglio di Sicurezza dell’Onu ma….

E’ vero, come dirà qualcuno, che si tratta di un singolo e le pecore nere sono in ogni gregge ma quel gregge di caschi blu non gode proprio di una buona reputazione.

Le voci più benevoli dicono ad esempio che la loro “missione” giornaliera è quella di “girare per consumare la benzina” (ed in effetti vedere un piccolo camion cisterna per l’acqua scortato da una jeep nel centro citta’ lascia da pensare), mentre le più malevole sostengono che questi signori “controllino il percorso di alcuni minerali imponendo, quando tutto va bene, un pizzo”.

E allora, ritornando al valore della merce sequestrata (1 su 1.000 come recitava una canzone di non so più chi), e’ vero che 14.000 u$ non sono una cifra sconvolgente -per noi- ma se la inseriamo nel contesto del Sud Kivu diventa quantomeno sostanziosa.

La pena?

Molto probabilmente sarà lieve e altrettanto molto probabilmente non verrà neanche scontata, vista la condizione delle carceri locali dalle quali si esce e si entra neanche fosse un hotel.

E come si dice da noi questo signore, tal Julien Mukala, e’ solo un pesce piccolo, molto piccolo. Quelli grossi, e molto pericolosi, non passano dalle frontiere terrestri… ma di questo parleremo la prossima volta

Paperon De Paperoni

Fonte Notte Criminale

Add to Google

Bookmark and Share

OkNotizietutto blog PaperblogW3Counter

Questa voce è stata pubblicata in Aksanti, Amici e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...